V Rapporto sull'economia del mare.
Cluster marittimo e sviluppo in Italia.
FDM - Censis, 2015.


Il mondo marittimo è riunito dal 1994 nella Federazione del Mare. Essa costituisce il cluster marittimo italiano e vuole rafforzare la conoscenza del Paese e della sua classe dirigente circa l’importanza economica e sociale delle attività legate al mare.

A tal fine, sono stati via via elaborati assieme alla fondazione Censis una serie di rapporti che definiscono il contributo delle attività marittime, siano esse produttive di beni e servizi o istituzionali, allo sviluppo e all’occupazione, mettendo in evidenza come esse si pongano tra i settori economici nazionali più dinamici e svolgano un ruolo di grande importanza nel definire l'assetto non solo logistico, ma anche manifatturiero e terziario del Paese.

Industria armatoriale e trasporti marittimi, portualità e connessi servizi logistici e di agenzia, naval-meccanica e cantieristica navale, nautica da diporto, pesca, ricerca, organismi istituzionali che svolgono attività di difesa, amministrazione, coordinamento, previdenza e sicurezza in campo marittimo: la quota di beni e servizi prodotti da queste attività supera il 2% del totale nazionale, investendo realtà che vanno oltre quelle tradizionalmente legate ai territori che si affacciano sul mare e giocando un ruolo fondamentale nell’integrazione dell’Italia nei mercati internazionali. 

Visualizza la Pubblicazione »


Per visualizzare la pubblicazione occorre aver installato Adobe Acrobat Reader 6.0 o superiore

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l’esperienza di navigazione e per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l'informativa