Logo RINA24 feb 2021

Tra le priorità analizzate nel webinar dedicato: la filiera dell’idrogeno, la carbon capture e la crescente quota di energie rinnovabili

 

Si è svolto oggi l'evento “Il ruolo del RINA nella ricerca, innovazione e progetti sulla decarbonizzazione” organizzato dalla multinazionale di ispezione, certificazione e consulenza ingegneristica. Al webinar hanno assistito diversi stakeholder che operano nell’ambito dello shipping, tra cui diversi esponenti del CdA del Registro Italiano Navale, ente privato senza fini di lucro e socio di riferimento di RINA S.p.A, che proprio nel 2021 festeggia 160 anni dalla sua fondazione.

Nel corso dei lavori è stato presentato il posizionamento strategico del RINA sulla decarbonizzazione nonché le iniziative industriali e i progetti di innovazione e ricerca in cui l’azienda è impegnata a livello nazionale ed europeo.

In virtù della grande attualità di questo tema anche nel settore marine, gli esperti RINA hanno trattato l’evoluzione degli scenari energetici in vista degli obiettivi europei Horizon 2030-2050. In particolare, i partecipanti si sono confrontati sulle fonti per la produzione di energia e sulla sostituzione di quelle di origine fossile con quelle rinnovabili, sull’utilizzo dell’idrogeno e dell’ammoniaca come vettori energetici, sui sistemi di “carbon capture” e sull’impatto dell’aumento delle quote di energia proveniente da fonti rinnovabili sulla filiera dell’idrogeno.

Paolo d’Amico, Presidente del Registro Italiano Navale, ha così commentato a margine dei lavori: «La decarbonizzazione e la digitalizzazione saranno i driver principali che guideranno i movimenti del settore dell’energia negli anni a venire. Come Registro Italiano Navale vogliamo giocare un ruolo attivo e fattivo in questa evoluzione. Nell’incontro di oggi abbiamo avuto prova concreta delle estese competenze e della multidisciplinarietà presenti all’interno del RINA che persegue gli obiettivi della costruzione di un futuro sostenibile in piena sintonia con la strategia del Registro».

Blue Economy Poster FinalIl 28 gennaio, dalle ore 10,00 alle ore 12,30 (piattaforma Teams), si terrà la web-Conference "Una dimensione blu per il Green Deal: la via verso un ripresa dell'economia blu in Europa ,  organizzata da SEArica (Seas, Rivers, Islands and Coastal Areas) Intergroup del Parlamento europeo in collaborazione con la DG Affari Marittimi e Pesca della Commissione Europea e la Conferenza delle Regioni Marittime Periferiche, che concluderà il processo di feedback sulla roadmap della CE sull'economia blu sostenibile.

La conferenza è stata ideata per coinvolgere sui vari aspetti dell'economia blu tutte le parti interessate regionali, nazionali e settoriali, i membri del Parlamento europeo e i funzionari di alto livello della Commissione europea.

La discussione sarà aperta da Virginijus Sinkevičius, Commissario per l'ambiente, gli oceani e la pesca e Tonino Picula, eurodeputato croato e presidente dell'intergruppo SEArica.

 

SEARICA_Blue_Economy_Draft_Agenda_1301.pdf

EP Intergroup Seas, Rivers, Islands & Coastal Areas - SEArica Blue Economy Conference -Conférence 2019-2024

Link per la registrazione obbligatoriaSEArica Blue Economy Conference (jotform.com)

 L'Intergruppo SEArica è uno dei 27 Intergruppi che sono stati approvati l'11 dicembre 2019 dalla Conferenza dei Presidenti della 9a legislatura del Parlamento Europeo. Gli Intergruppi possono essere formati da eurodeputati di qualsiasi gruppo politico e di qualsiasi commissione parlamentare con l'obiettivo di tenere scambi informali di opinioni su particolari questioni e di promuovere il contatto tra gli eurodeputati e la società civile. L’Italia conta 5 membri tra cui il presidente Giuseppe Ferrandino responsabile per la Pesca e gli affari sociali. L'Intergruppo SEArica riunisce più di 100 eurodeputati di 7 diversi gruppi politici e 23 Stati membri. Gli intergruppi non sono organi del Parlamento e pertanto non possono esprimere il parere del Parlamento.

INVITO 12 dic2019 VI rapporto

Per celebrare i venticinque anni dalla sua istituzione la Federazione del Mare presenta presso il Cnel  la VI edizione del Rapporto sull’economia del mare, realizzato con il Censis, assieme a Cogea e Srm.

Nella stessa occasione, sarà presentato anche il volume ”Cinquant’anni di economia marittima in Italia: evoluzione e prospettive tra il XX e XXI secolo” realizzato anch’esso con la Fondazione Censis e con il contributo di: d’Amico; Grimaldi Group; Ucina

Banner SMI 2020

Shipping, Forwarding&Logistics Meet Industry è il Forum promosso dalle principali associazioni del settore logistico, portuale ed imprenditoriale, oltre che da importanti soggetti dell’industria manifatturiera e terziaria, organizzato presso il Centro Congressi Assolombarda di Milano da International Propeller Club - Port of Milan e da Clickutility Team.

La manifestazione, articolata nelle due giornate del 30 e 31 gennaio, mira a presentare le eccellenze dello shipping e della logistica nazionale e a promuovere presso gli stakeholder i primi risultati generati dal processo di riforma e di rilancio del settore previsto dal piano strategico nazionale della portualità e logistica, nonché a generare opportunità di incontro tra sistema logistico e mondo industriale e finanziario.

Durante le due giornate congressuali verranno affrontati i seguenti temi:

  • L’Italia nell’epoca della logistica come strumento strategico
  • La logistica e i trasporti per le PMI
  • Competitività e competizione dei corridoi logistici
  • Cryptologistica e Logistica Connessa: stato dell’arte, opportunità e rischi
  • Logistica di qualità per i prodotti di qualità
  • Sostenibilità logistica, dai principi alla realtà, e ritorno
  • L'automazione nella logistica
  • Workshop verticali su singoli settori economici
  • Il sistema infrastrutturale e produttivo italiano in prospettiva 2030

La Federazione sarà presente con il presidente Mario Mattioli e il vicepresidente Umberto Masucci, i quali interverranno alla sessione di apertura

 L’Italia nell’epoca della logistica come strumento strategico. Geopolitica, Geoeconomia e Geologistica: l’Italia in Europa e nel Mediterraneo allargato

che si terrà giovedì 30 gennaio presso la sala Auditorium, dalle ore 9 alle ore 13.

Dettagli sul programma della sessione e su tutto il Forum sono disponibili sul sito http://www.shippingmeetsindustry.it/ ove è anche possibile registrarsi per partecipare.

 

Per celebrare i venticinque anni dalla sua istituzione la Federazione del Mare presenta presso il Cnel  la VI edizione del Rapporto sull’economia del mare, realizzato con il Censis, assieme a Cogea e Srm.

Nella stessa occasione, sarà presentato anche il volume ”Cinquant’anni di economia marittima in Italia: evoluzione e prospettive tra il XX e XXI secolo” realizzato anch’esso con la Fondazione Censis e con il contributo di: d’Amico; Grimaldi Group; Ucina.

 

INVITO_VENTICINQUENNALE.pdf

 

 

Sottocategorie